Via le aziende dai congressi medici? Luci ed ombre per le nuove regole contro “il conflitto di interesse”

Vietata la pubblicità di prodotti ad interesse sanitario.

Le aziende che producono e commercializzano prodotti farmaceutici o strumenti medici non possono organizzare e gestire, direttamente o indirettamente, eventi per la formazione della classe medica (Ecm).

Lo sponsor potrà apparire solo nell’ ultima pagina dei depliant. Ed in modo rigorosamente discreto.

Sono senza dubbio “aggressive” le nuove norme tese a regolarizzare l’ attività congressuale medico-scientifica: l’ obiettivo è garantire la massima trasparenza e ridurre il rischio del conflitto di interessi tra azienda sponsor, medici e contenuti trattati.

Se il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici, Amedeo Bianco, si dichiara soddisfatto, tuona la Federcongressi: “Queste nuove disposizioni sono penalizzanti nei confronti degli sponsor commerciali” –  evidenzia il presidente Paolo Zona – “soprattutto delle molte piccole e medie imprese che operano in questo settore. Riassaporiamo le sensazioni del 2006-2007 quando il divieto delle sponsorizzazioni voluto da Farmindustria determinò per molti mesi l’ annullamento di tutti gli eventi di formazione medico-scientifica“.

Zona ha manifestato le sue perplessità in una lettera indirizzata al ministro del Turismo Brambilla “focalizzando il pericolo di blocco per quegli investimenti etici e trasparenti, che avrà forti ripercussioni sia sulla qualità che sulla quantità dell’ attività formativa congressuale.”

Annunci

7 risposte a “Via le aziende dai congressi medici? Luci ed ombre per le nuove regole contro “il conflitto di interesse”

  1. c’è modo e modo di ridurre il conflitto di interesse . I medici hanno poca voglia di aggiornarsi, se il convegno non fosse abbinato ad un viaggio, sarebbe deserto. C’è qualcosa che non mi piace in tutto questo, senza la presenza di sponsor un convegno non si può organizzare dal punto di vista economico, non ha senso, credo che sia meglio sapere che il convegno sia organizzato da qualcuno piuttosto che la pubblicità fatta passare per altre cose dal mio punto di vista

  2. E’ un’ interessante riflessione: non ridurre la presenza di aziende sponsor – col rischio di disincentivare la pratica degli eventi di formazione medica – ma aumentare la trasparenza.
    Sapere cioè, come dici tu nel post, quel medico che parla, per cosa parla, a nome di chi e perchè!

  3. Esatto.
    Aumentare la trasparenza è la cosa importante da fare … l’ipocrita provvedimento di cui scrivi va invece nella direzione opposta.
    Io diffido di chi si riempie la bocca con le “questioni di principio”.
    Io diffido dell’Ordine Nazionale dei Medici.

  4. @ Simon : l’orologio del blog è indietro di 2 ore (forse non è bene settato il fuso).

  5. “Ipocrita” è anche l’ aggettivo usato da Assobiomedica, che tuona contro il pericolo di disincentivare il trasferimento tecnologico tra impresa e operatori sanitari.
    Grazie Bufalo vedo di sistemare l’ orario!!

  6. il punto è che la formazione va costruita sulle esigenze/carenze della classe medica non sulle esigenze di marketing e su logiche di micro-potere. Ci sono migliaia di provider per la formazione in Italia (decisamente troppi) con discutibili competenze pedagogiche, buona parte della formazione è pagata da sponsor privati con costi folli, l’attività formativa è spesso blanda e comunque il non-formarsi non fa perdere nulla a livello professionale: è il sitema che non è limpido alla base (a iniziare dalle società scientifiche i cui congressi vivono grazie alle aziende del farmaco). è come dire che uno studente viene portato a scuola in limosine, accarezzato e coccolato durante il viaggio, può decidere di stare in corridoio a parlare tutto il tempo, di non studiare, di darsi i fatti suoi durante l’ora di lezione e poi essere tranquillamente promosso, anzi lodato per il fatto di essere entrato a scuola…

  7. Grazie per la tua testimonianza, si “sente” che proviene direttamente dal campo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...